Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Mercatino del lungomare, dopo la protesta presto una nuova sede

Positivo l'esito della riunione con l'assessore alle Attività produttive Angela Mazzola. Anche i venditori del mercatino delle pulci chiedono un'area alternativa a Piazza Dante

La protesta dei venditori ambulanti di Ognina, che due giorni fa si erano riuniti davanti al Comune arrampicandosi su un palazzo in ristrutturazione, sembra essersi risolta positivamente in seguito all’incontro di ieri pomeriggio con l’assessore alle Attività produttive Angela Mazzola.

"Così come avevamo già previsto - ha assicurato l’assessore Mazzola – la soluzione sarà trovata entro il primo di settembre in linea con la nostra politica, che è quella di dare agli ambulanti abusivi l’opportunità di regolarizzarsi e transitare nella legalità affinché il loro diritto al lavoro possa essere garantito. Per la prossima settimana intanto questi operatori staranno a casa perché non è tollerabile che stiano fuori dalla legalità".

Dal canto loro gli operatori hanno accolto di buon grado la proposta dell’amministrazione comunale di spostare il mercatino in altra sede, ancora non individuata. "Se possibile noi vorremmo rimanere nel quartiere di Ognina – fa sapere Loredana C., venditrice ambulante –ma siamo consapevoli che sarà molto difficile ritornare al lungomare, in via del Rotolo o in viale Alcide De Gasperi. Ci auguriamo di poter lavorare nel rispetto della legge dal prossimo mese, tutti i fine settimana ed i festivi. La maggior parte di noi paga regolarmente le tasse per poter vendere la merce, combattere l’abusivismo è anche nostro interesse".

"Speriamo che le promesse dell’assessore Mazzola siano rispettate, – commenta Franco Amato, uno dei tre ambulanti che due sere fa si è arrampicato sull’impalcatura di un palazzo in piazza Duomo minacciando un gesto estremo – in caso contrario siamo pronti a protestare nuovamente. Abbiamo ricevuto la solidarietà di tanti altri colleghi che operano a Catania e provincia e se sarà necessario torneremo in piazza tutti insieme".

Nel pomeriggio di ieri hanno fatto sentire la loro voce anche i venditori del mercatino delle pulci domenicale, che da settembre dovrebbe essere trasferito in Piazza Dante. Chi vorrà allestire una propria bancarella dovrà pagare un tributo di cui non si conosce ancora l’entità. Una soluzione non soddisfacente secondo i diretti interessati, che giudicano inadeguata l’area individuata dall’assessore alle Attività produttive.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercatino del lungomare, dopo la protesta presto una nuova sede

CataniaToday è in caricamento