Corso Italia, metro con scale mobili guaste e la biglietteria non funziona

La scala mobile non è in funzione da tempo. Impossibile per i disabili raggiungere il binario. Anche reperire i ticket non è facile: la biglietteria automatica, nuova di zecca, è chiusa

La metropolitana di Catania è attualmente poco usata dalla maggior parte dei catanesi, per ragioni assolutamente comprensibili. Pochissime le fermate attive, scarsa pubblicizzazione del servizio, corse ogni 15 minuti. Il prossimo anno dovrebbero concludersi, secondo le previsioni del Comune, alcuni cantieri importanti, tra cui quello di Nesima e della stazione centrale. Nel frattempo i pendolari che già utilizzano la metro Fce incontrano non poche difficoltà.

Prendiamo il caso della fermata di corso Italia, nodo nevralgico posto a pochissimi metri dalla pensilina dell'Airbus ed usato in via preferenziale da quanti proseguono il viaggio a bordo della littorina per raggiungere i paesi dell'hinterland attraversati dalla circumetnea.

La scala mobile non è in funzione da tempo. Impossibile per i disabili raggiungere il binario. Anche reperire i biglietti non è facile. La biglietteria automatica, di recente installazione, non è in funzione.

E perfino alcune macchinette vidimatrici sono rotte e 'incartate' con il nastro adesivo. E così le porte scorrevoli sono state forzate da qualche utente poco civile e risultano facilmente attraversabili anche da chi il ticket non intende proprio usarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento