menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Diminuiscono gli sbarchi anche a Catania, ma in mare si muore di più

l'Unhcr evidenzia come nei primi tre mesi del 2018 il tasso di mortalità tra coloro che partono dalla Libia sia salito ad un morto ogni 14 persone, rispetto a 1 ogni 29 persone nello stesso periodo del 2017

Sbarchi in calo per il decimo mese consecutivo anche a Catania. Dal 1 luglio ad oggi i numeri del Viminale indicano 104.776 arrivi di migranti in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (43.166 persone, contro le 147.942 registrate tra l'1 luglio 2016 ed il 20 aprile 2017). Proprio l'inizio dello scorso luglio segna uno spartiacque: a fine giugno in 4 giorni arrivarono via mare circa 13mila persone. Da allora Minniti ha impreso un'accelerazione al dossier portando con forza il tema all'attenzione di Bruxelles e degli altri Paesi europei e, contemporaneamente, spingendo sugli accordi in Libia finalizzati a bloccare le partenze ed a sviluppare le capacità delle locali Guardia costiera e Marina. Senza contare il giro di vite sulle navi delle ong cui è stato proposto un controverso Codice di condotta, che ha portato ad una decisa riduzione dell'attività di salvataggio.

Nel 2018 ci sono stati 7.551 arrivi, contro i 36.728 dello stesso periodo del 2017. Tra le nazionalità degli stranieri sbarcati in testa ci sono gli eritrei (1.552), seguiti da tunisini (1.489), nigeriani (526) e ivoriani (432). I minori soli arrivati quest'anno sono 1.116. I richiedenti asilo trasferiti in altri Paesi europei secondo il principio della relocation sono 12.586. Dall'1 gennaio, rileva l'Oim, 557 migranti sono morti nel Mediterraneo mentre tentavano di raggiungere l'Europa. E l'Unhcr evidenzia come nei primi tre mesi del 2018 il tasso di mortalità tra coloro che partono dalla Libia sia salito ad un morto ogni 14 persone, rispetto a 1 ogni 29 persone nello stesso periodo del 2017. Fenomeno confermato anche dalle Ong attualmente attive(Sea Watch, Sea Eye e Sos Mediterranee) che continuano a pattugliare il mare. Dopo il caso della spagnola Open Arms sequestrata dalla procura di Catania e poi liberata dal gip di Ragusa, lamentano l'atteggiamento aggressivo della Guardia costiera libica che gestisce gli interventi di soccorso. Proprio tre giorni fa i libici hanno raccolto 217 migranti su due gommoni in difficoltà e respinto l'aiuto della nave di Sos Mediterranee che si era portata in zona per intervenire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Salvini a Catania, caso Gregoretti: prossima udienza il 10 aprile

  • Politica

    Aeroporto, Sac: "Con Comune e Amt in sinergia per l'intermodalità"

  • Politica

    L'assessore comunale Alessandro Porto passa alla Lega

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento