Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Migranti, falsa ordinanza: il Comune sporge denuncia

E' circolato un falso documento comunale nel quale si dice che i cittadini con abitazione superiore ai 100 metri quadri siano obbligati ad ospitare almeno un migrante del Cara di Mineo

Il comune di Catania ha sporto denuncia nei confronti di ignoti per la diffusione di un documento falso contenente notizie allarmanti sugli immigrati. Nella mattinata di oggi è stata riscontrata la diffusione in diverse zone della città di un documento con intestazione "Comune di Catania - Ufficio di Gabinetto" a firma de "Il Sindaco di Catania" avente come oggetto "Ordinanza del Sindaco della Città Metropolitana di Catania" contenente alcune disposizioni per l'accoglienza dei migranti delle case private dei cittadini.

Un totale di tredici righe, in un non perfetto italiano che tenta di imitare il linguaggio della burocrazia, in cui si legge che i proprietari di appartamenti con una superficie superiore ai 100 metri quadrati, abitati da non più di due persone, sarebbero obbligati ad accogliere uno dei migranti attualmente ospitati nel Cara di Mineo per un anno al massimo. Il Comune indennizzerebbe i cittadini con la somma di 7 euro al giorno. Falsità, dunque, che non trovano riscontro in alcune legge nazionale e regionale che, lette da ignari cittadini, potrebbero creare allarme nella popolazione. Per questo motivo l'amministrazione ha deciso di procedere alla denuncia presso la Questura di Catania che sta indagando al fine di scoprire gli autori del documento assolutamente falso, irreale e che procura allarme nella cittadinanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, falsa ordinanza: il Comune sporge denuncia

CataniaToday è in caricamento