Migranti, procuratore Zuccaro: "Trafficanti finanziano Ong"

Il procuratore di Catania ha dichiarato così ai microfoni di Agorà, trasmissione televisiva di RaiTre in merito alle polemiche nate in questi giorni dopo l'inchiesta aperta dal suo ufficio

"A mio avviso alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti e so di contatti. Un traffico che oggi sta fruttando quanto quello della droga".Ha dichiarato così Carmelo Zuccaro, procuratore di Catania, ai microfoni di Agorà (RaiTre), in relazione alle polemiche nate in questi giorni dall'inchiesta aperta dal suo ufficio su questo tema.

"Forse la cosa potrebbe essere ancora più inquietante - ha aggiunto Zuccaro - si perseguono da parte di alcune Ong finalità diverse: destabilizzare l'economia italiana per trarne dei vantaggi". Alla domanda sui possibili allarmismi, Zuccaro risponde: "Se l'informazione è corretta questo corto circuito non si può creare salvo per effetto di persone che vogliono creare confusione".

SOS MEDITERANEE A CATANIA - VIDEO

Forse le denunce forti e coraggiose del procuratore Zuccaro danno fastidio perché si potrebbe arrivare a una verità opposta a quella sostenuta dalla propaganda buonista e da chi fa business sul fenomeno dei migranti”. Lo afferma Giovanni Coppola, responsabile di CasaPound a Catania, in merito alle polemiche relative alle recenti dichiarazioni del procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro sull’opacità dell’operato di alcune Ong impegnate nelle operazioni di soccorso dei migranti nel Mediterraneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CasaPound sottolinea che “le affermazioni del capo della Procura etnea confermano quanto sosteniamo da tempo, ovvero che nel sistema dell’accoglienza c’è qualcosa di marcio”. "Auspichiamo pertanto - aggiunge Coppola - che si faccia sempre più luce su questo fenomeno che, dietro i buoni sentimenti, nasconde solo il desiderio di far ingrassare le solite cooperative e associazioni, il tutto mentre il nostro popolo muore, ucciso dalle banche, dalla finanza e da una politica che sta svendendo la nazione. Il business dell’accoglienza fa troppo gola alle cooperative ‘bianche’ e ‘rosse’ ma non è tollerabile che la Sicilia e più in generale l’Italia continuino a subire un’invasione che per dirla con le parole del procuratore Zuccaro destabilizza l’economia del Paese”, conclude il referente di Cpi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento