Migrazioni e diritti dell'uomo, a Scienze Politiche una tavola rotonda per discuterne

In occasione del settantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo il 10 dicembre alle ore 10,30 il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Catania organizza presso la Corte coperta di Via Dusmet una tavola rotonda dal titolo “What Remains?”

In occasione del settantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo il 10 dicembre alle ore 10,30 il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Catania organizza presso la Corte coperta di Via Dusmet una tavola rotonda dal titolo “What Remains?

L’intento dell’iniziativa è di riflettere su cosa “resti” dei valori e degli ideali della Carta a 70 anni dalla sua promulgazione, anche alla luce dei recenti e drammatici accadimenti connessi ai processi migratori. La tavola rotonda infatti affronterà anche il tema del significato del valore sociale, politico e simbolico dei “resti” dei corpi migranti. Per questa ragione, la tavola rotonda inaugurerà anche la mostra fotografica di Max Hirtzel dal titolo “Corpi migranti” (presente l’autore) e un’esposizione di rappresentazioni cartografiche e graphic novel sul tema.

Parteciperanno all’iniziativa: Alessio Annino, Valeria Buscemi, Delia Cappellani, Giorgia Costanzo, Silvia Dizzia, Daniela Fisichella, Federica Frazzetta, Felice Giuffrè, Stefania Mazzone, Maria Donata Napoli, Matteo Negro, Guido Nicolosi, Gianni Petino, Gianni Piazza, Stefano Principato, Luca Ruggiero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento