rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca

Sequestrano un 17enne picchiandolo e minacciandolo di abusi sessuali, due arresti

Il minorenne era stato convocato dai due arrestati in quanto accusato di aver sottratto loro dei documenti. Non riuscendo ad ottenere quanto richiesto, il 20enne ed il 30enne avrebbero usato la violenza, minacciando anche di compiere abusi sessuali

Avrebbero sequestrato un 17enne algerino a Caltagirone accusandolo di aver sottratto loro alcuni documenti e per farseli restituire lo avrebbero malmenato, ferito con un coltello da cucina, sottoposto a sevizie e minacciato di abusi sessuali fin quando la vittima non è riuscita a fuggire. E' quanto la Procura di Caltagirone contesta a due uomini, un 30enne ed un 20enne originari rispettivamente del Ghana e della Sierra Leone, che sono stati fermati dai carabinieri con l'accusa di sequestro di persona, lesioni aggravate, minacce e tentata violenza sessuale. Il Gip di Caltagirone ha convalidato i fermi.

A dare l'allarme tramite il 112 sono stati gli amici della vittima accortisi della sua assenza dalla comunità di accoglienza che li ospita. Secondo quanto emerso nell'ambito della prima fase procedimentale, dicono gli investigatori, è emerso che i due arrestati avrebbero tenuto segregata la vittima nella loro abitazione del centro storico di Caltagirone e, dopo aver assunto alcol e droga, l'avrebbero sottoposta a sevizie. Il giovane algerino sarebbe stato malmenato anche con un tubo di gomma per l'irrigazione.

Sia il tubo che il coltello con il quale lo avrebbero ferito sono stati sequestrati. Dopo essersi liberato, l' algerino è stato raggiunto dai carabinieri e condotto dai soccorritori nell'ospedale 'Gravina e Santo Pietro'. I due fermati, in un primo momento rinchiusi nella Casa Circondariale di Ragusa, dopo l'udienza di convalida sono stati sottoposti agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrano un 17enne picchiandolo e minacciandolo di abusi sessuali, due arresti

CataniaToday è in caricamento