rotate-mobile
Cronaca

Inchiesta Cara Mineo, amessi come parti civili Palazzo Chigi e Viminale

Ministero dell'interno e presidenza del consiglio saranno presenti all'udienza preliminare per il rinvio a giudizio di 16 persone accusate di turbativa d'asta

Il ministero dell'Interno e la presidenza del consiglio dei ministri saranno presenti come parte civile nel corso dell'udienza preliminare, nell'ambito dell'inchiesta sulla concessione dell'appalto dei servizi, dal 2011 al 2014, al Cara di Mineo, per il rinvio a giudizio di 16 perosne accusate di turbativa d'asta. Rigettata dal Gup Santino Mirabella una richiesta simile portata avanti invece dal sindacato che non prenderà quindi parte al processo.

Tra i sedici imputati ci sono Luca Odevaine, come presidente della commissione aggiudicatrice, il sindaco di Mineo, Anna Aloisi; l'ex presidente del consorzio Sol.Calatino, Paolo Ragusa; l'ex direttore del consorzio 'Calatino terra d'accoglienza', Giovanni Ferrera; gli ex vertici delle Ati interessate.

Fuori da questa parte dell'inchiesta invece  il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione, indagato come  allora soggetto attuatore del centro accoglienza richiedenti asilo più grande d'Europa, che ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Cara Mineo, amessi come parti civili Palazzo Chigi e Viminale

CataniaToday è in caricamento