Minorenni si fingono poliziotti su skype e minacciano un utente

Lo scherzo è finito quando la segnalazione dell'utente inviata alla vera polizia postale, con tanto di stampata delle conversazioni, ha consentito di rintracciare e individuare i tre

Tre minorenni di Catania si sono spacciati per falsi agenti della Polizia Postale, minacciando e offendendo alcuni utenti di Skype. Lo "scherzo" è iniziato quando i tre ragazzi hanno iniziato attraverso Skype a spacciarsi tra di loro come agenti della polizia, in forza al compartimento della polizia postale e delle comunicazioni di Roma.

Poi però hanno deciso di alzare il livello e di aprire una comunicazione con un'altra persona, del tutto estranea, alla quale hanno detto di essere poliziotti e di aver ricevuto l'incarico dal comando generale della Postale di indagare in rete per individuare soggetti coinvolti nei reati di detenzione, cessione e divulgazione di materiale pedopornografico.

Vista la reticenza e lo scetticismo del malcapitato cittadino, i tre ragazzini sono passati alle offese e alle minacce. Lo scherzo è finito quando la segnalazione dell'utente inviata alla vera polizia postale, con tanto di stampata delle conversazioni, ha consentito di rintracciare e individuare i tre. Quando i poliziotti si sono presentati a casa di quello che aveva messo a disposizione il computer, la madre non ha potuto che dirsi stupita e chiedere scusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento