Comune di Misterbianco sciolto per mafia, Sindaco inizia sciopero della fame

Di Guardo ha tenuto un comizio in piazza e pubblicamente ha chiesto le dimissioni del Prefetto di Catania Claudio Sammartino. "Signor Prefetto lei su Misterbianco ha preso un abbaglio. E siccome chi sbaglia paga, lei si deve dimettere"

Nino Di Guardo - fino a tre giorni fa sindaco di Misterbianco prima che il Comune venisse sciolto per mafia - ha iniziato lo sciopero della fame. Sotto la sede del Municipio di via Sant'Antonio Abate l'ex primo cittadino protesta con tanto di camper e cartelloni contro la decisione del ministero di sciogliere il comune per infiltrazioni mafiose.

Di Guardo ha annunciato di avere scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella "per non firmare il decreto di scioglimento del Comune" e ha letto un passo della lettera: "Chiedo a Lei, nella veste di supremo garante della Legalità costituzionale, di non firmare il decreto, Misterbianco è un esempio di buongoverno, uno dei Comuni piu' virtuosi dell'intera Sicilia. Ci troviamo in presenza di un crimine di Stato, contro il quale daro' vita ad di eclatante protesta, iniziando da domani lo sciopero della fame davanti al mio Comune".

"Io non sciopero per me stesso - sottolinea Di Guardo - sciopero per rappresentare la protesta di una comunita', perche' tutti debbono sapere che i cittadini di Misterbianco non ci stanno ad essere chiamati mafiosi. Faro' lo sciopero della fame per il tempo che le mie energie mi consentiranno. Fin quando potrò...". Ieri sera Di Guardo ha tenuto un comizio in piazza e pubblicamente ha chiesto le dimissioni del Prefetto di Catania Claudio Sammartino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Signor Prefetto lei su Misterbianco ha preso un abbaglio. E siccome chi sbaglia paga, lei si deve dimettere. Vergogna. Dov'è la mafia? - ha continuato Di Guardo - Ce lo dimostri! Qui ci sono uomini, non quaquaraqua' signor Prefetto!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento