Misterbianco, corpi carbonizzati nel 1990: fratelli chiedono esame del Dna

Questa la richiesta della famiglia dopo le rivelazioni del pentito Gaspare Mutolo al programma di Rai 3 'Chi l'ha visto?' sulla scomparsa di Riccardo Ronsisvalle, 18 anni, e Giuseppe Lombardo, 25 anni

"Siamo a disposizione per fare il dna per il riconoscimento del corpo di nostro fratello". Così Claudio Ronsisvalle che con la sorella Iolanda vogliono chiarezza sulla scomparsa del fratello Riccardo avvenuta nel 1990 a Misterbianco. Dopo le rivelazioni del pentito Gaspare Mutolo al programma di Rai 3 'Chi l'ha visto?' sulla scomparsa di Riccardo Ronsisvalle, 18 anni, e Giuseppe Lombardo, 25 anni, la famiglia, attraverso lo stesso programma Tv, chiede che venga fatto il dna per il confronto con i corpi carbonizzati ritrovati nelle campagne di Misterbianco.

Secondo le rivelazioni del pentito, quei corpi sarebbero dei due ragazzi scomparsi. Era il 1990 quando Riccardo e Giovanni uscirono di casa per non tornare mai più. La sorella e il fratello di Riccardo si sono rivolti a 'Chi l'ha visto?' con la speranza di sapere, dopo tanti anni, la verità. Quello che ha deciso di raccontare Gaspare Mutolo è una verità amara: per arrivare a lui decisero di sequestrare Giuseppe Lombardo, e lo torturarono per sapere il suo nascondiglio.

Riccardo fu ucciso con lui perché testimone scomodo. I corpi furono poi occultati. Secondo Mutolo sono i corpi ritrovati carbonizzati nelle campagne di Misterbianco nello stesso anno e per i quali non è mai stata fatta comparazione di dna con le famiglie dei due ragazzi scomparsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento