menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mobilità per i dipendenti Auchan, sciopero nell’ipermercato di Misterbianco

Una manifestazione si terrà oggi nel posteggio dell’ipermercato Auchan della zona commerciale di Misterbianco, già dall'inizio del turno mattutino delle 5 e per tutta la giornata

Anche a Catania si svolgerà la giornata di sciopero nazionale, per l’intero turno lavorativo, dei lavoratori di Auchan. Una manifestazione si terrà oggi nel posteggio dell’ipermercato Auchan della zona commerciale di Misterbianco, già dall'inizio del turno mattutino delle 5 e per tutta la giornata.

Auchan, il gruppo francese della grande distribuzione, in Italia conta 49 punti vendita e oltre 11.400 dipendenti. Ha avviato una procedura di mobilità per 1426 dipendenti in 32 ipermercati. Di questi lavoratori, 578, oltre un terzo degli addetti, sono occupati nei 13 ipermercati del Sud Italia, Campania, Puglia e Sicilia. In particolare su 1238 dipendenti, in Sicilia sono stati dichiarati in esubero 269, dei quali 176 solo a Catania.
 
"La comunicazione degli esuberi – sottolinea Rita Ponzo, segretaria generale della Fisascat Cisl di Catania – è arrivata dopo che l’azienda aveva disdettato unilateralmente il Contratto Integrativo Aziendale Nazionale, facendo così perdere una fetta consistente del salario dei dipendenti. L’azienda ha motivato tutto ciò con la crisi dei consumi, che continua nel nostro Paese, e alla concorrenza sleale soprattutto al Sud".
 
"Noi sosteniamo – continua – che il calo di fatturato non è dovuto solamente alla crisi dei consumi ma alla mancanza di un piano di sviluppo aziendale finalizzato a fronteggiare la crisi stessa. Alcuni gruppi locali della grande distribuzioni si sono attrezzati con format commerciali che stanno dando loro grosse soddisfazioni. Il format degli Iper è superato. Prima se ne rendono conto meglio è. Non è con i contratti di solidarietà, mobilità volontaria, sospensione della 14esima mensilità, abbassamento dei livelli di inquadramento, abolizione dei permessi retribuiti e altre invenzioni fantasiose che si superano le cris".
 
Secondo Ponzo, "non si capisce perché a parità di calo di fatturato (circa il 6% in Sicilia e circa il 6% nel nord Italia) tale crisi è ritenuta strutturale in Sicilia e congiunturale al Nord. Cioè significa che i sacrifici dei lavoratori del Nord saranno temporanei mentre i sacrifici dei lavoratori del Sud saranno definitivi".
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Consiglio comunale, seduta straordinaria sull'emergenza Covid

  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento