"Modigliani" è falso? Opera d'arte da 15 milioni di euro sequestrata dall'Antimafia

Secondo la Dda a Catania avrebbe operato una banda specializzata nei falsi d’autore. E da qui sarebbe partita l’opera del celebre artista toscano nell’ambito di una compravendita

foto Forlitoday

Ha pagato ben 15 milioni di euro per un’opera di Amedeo Modigliani che, secondo gli inquirenti, sarebbe però un clamoroso falso. Ed è così che i carabinieri sono andati a bussare alla porta di un facoltoso collezionista d’arte forlivese che aveva comprato l’opera circa un anno fa e che la custodiva nel suo caveau. Il presunto “Modigliani”, uno dei celebri volti di donna,  è stato quindi sotto sequestro nell’ambito di un’indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, che vede indagate sette persone per associazione a delinquere finalizzata alla truffa. 

Secondo la Dda, in sostanza, a Catania avrebbe operato una banda specializzata nei falsi d’autore. E da qui sarebbe partita l’opera del celebre artista toscano nell’ambito di una compravendita operata secondo i canali ufficiali delle opere d’arte, il tutto tramite un intermediario forlivese.

Il quadro, infatti, era accompagnato da tutti gli “expertise” necessari, le perizie che certificano l’autenticità dell’opera. Documentazione anch’essa fasulla? Saranno ora le super-perizie dei consulenti del tribunale, dell’accusa, della difesa e delle potenziali vittime di questo traffico a indicare se il quadro e la relativa documentazione annessa sono falsi o meno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento