Cronaca Civita / Piazza Duomo

Scontro tra curia e devoti. Scionti: “Spettacolo vergognoso”

Polemica tra la curia catanese e i devoti. Monsignor Barbaro Scionti parla di spettacolo vergognoso mentre i fedeli vogliono più potere decisionale perché la Santa la portano loro

Dopo il rientro di Sant’Agata in cattedrale arrivano i primi scontri tra la curia catanese e i devoti. A causa del maltempo e della cera depositata nella strada  la curia e le istituzioni locali hanno deciso, la notte scorsa, di eliminare dal percorso della Santa i due momenti conclusivi della festa e forse i più importanti per i devoti: la salita di San Giuliano e il canto delle suore benedettine di via Crociferi.

I devoti hanno subito contestato la decisione di fermare il percorso della “Santa”, secondo molti di loro la salita si sarebbe potuta fare a passo sostenuto anziché, come è abitudine, correndo.

Inoltre, per i devoti la decisione di fermare la Santa e tornare in cattedrale doveva essere presa dal popolo che porta il Fercolo e non dal Sindaco o dai poliziotti. Anche per quest'anno poi non è stata rispettata l'ordinanza che vieta l'accensione e il trasporto dei ceri nelle vie del centro storico.

Il Monsignor Barbaro Scionti, delegato arcivescovile, dopo la protesta di un gruppo di devoti contrari alla decisione del Capovara di non fare la salita di Sangiuliano e in seguito ai disordini avvenuti al rientro del Fercolo in Cattedrale ha dichiarato: “È uno spettacolo vergognoso” ammonendo i concittadini.
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro tra curia e devoti. Scionti: “Spettacolo vergognoso”

CataniaToday è in caricamento