Monte Po, i cittadini chiedono aiuto per riqualificare il campo da calcio

"I volontari dell'Igam e gli abitanti del quartiere si sono tassati per comprare i materiali per ripulire il campetto di via Salvatore Salomone Marino, ma serve l'aiuto dell'amministrazione" ha detto il consigliere comunale nMirenda

Uno spazio di aggregazione lontano dal caos, senza scooter nè auto, ma solo pattini, biciclette e un pallone per giocare a calcio all'aria aperta. Ecco cosa dovrebbe essere il campetto di calcio di via Salvatore Salomone Marino di Monte Po, che i cittadini e i volontari dell'Igam stanno cercando di ripulire da erbacce e rifuti. Eppure il piccolo impianto, danneggiato da numerosi atti vandalici, ha bisogno anche di un nuovo manto erboso e di una solida recinzione.

Dopo un sopralluogo il consigliere comunale Maurizio Mirenda ha lanciato un appello: "Le associazioni qui svolgono un lavoro straordinario ma non possono essere lasciate sole dalle istituzioni politiche. Ecco perchè Palazzo degli Elefanti deve attivarsi in tutti i modi per ristrutturare il campetto di via Salvatore Salomone Marino dotando l’impianto di un nuovo manto e di una nuova recinzione. In tutti questi mesi le famiglie del quartiere ed i volontari si sono tassati per acquistare i materiali necessari a ripulire la zona dalle erbacce e dalla spazzatura. Tutto per avere uno spazio dedicato completamente a loro. Occorre proseguire l’opera di riqualificazione e per questo i, chiedo al Sindaco di stanziare i fondi necessari a garantire un restyling duraturo in questa parte della città. Denaro che potrebbe provenire dal Piano 'Sport e periferie' per la realizzazione e la riqualificazione degli impianti sportivi nel capoluogo etneo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Circa 20.000 euro che servirebbero a mettere in sicurezza l’impianto. Ai ragazzi ed ai volontari dell’Igam - conclude Mirenda - spetterebbe poi il compito di vigilare sul sito e proteggerlo da eventuali attacchi vandalici. Basta con gli errori del passato. L’amministrazione non può più abbandonare le periferie. Servono spazi aggregativi per togliere tanti ragazzi dalle tentazioni della strada e metterli così nelle condizioni di sviluppare tutte le loro potenzialità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento