menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coppia di anziani morti in casa a Paternò: si pensa ad asfissia per il generatore

L'asfissia da monossido di carbonio è l'ipotesi che prevale al momento: in casa è stato trovato un generatore a gasolio. Le salme, prive di segni di violenza, si trovano ora al Policlinico per l'autopsia

Due corpi senza vita sono stati ritrovati, lo scorso 25 gennaio, in un casolare di contrada Jaconianni, nel comune di Paternò. Si tratta del sessantenne G.S. e della compagna G.V. di 53 anni. Ad avvertire i carabinieri dopo la triste scoperta son stati i parenti che, da cinque giorni circa, non avevano loro notizie e non riuscivano a contattarli: si sono recati così nella casa di campagna di famiglia e li hanno trovati privi di vita. L'ipotesi che prevale, al momento, è quella dell'asfissia da monossido di carbonio, come indicato dal verbale dei carabinieri della compagnia di Paternò. E' stato infatti ritrovato dentro casa un generatore a gasolio, usato per fornire corrente elettrica all'abitazione rurale. Di norma, questo tipo di impianti deve essere collegato al circuito elettrico, ma è pacifico che non possa essere posto dentro quattro mura, poichè i gas di scarico sono paragonabili a quelli di una vettura accesa ed hanno un alto contenuto di monossido di carbonio, letale se inalato in maniera continua. Le salme non presentavano segni di violenza: è stata comunque disposta l'autopsia che verrà eseguita dai medici del Policlinico Universitario di Catania per accertare le cause del decesso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Salute

Bromelina: cos'è, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento