menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Nicole, Regione: sospesi i ricoveri per parto alla casa di cura Gibiino

La Casa di cura, spiega in una nota l'assessorato regionale alla Salute, deve sospendere tutte le attività e indirizzare le gestanti attualmente ricoverate ad altre strutture abilitate curando il trasferimento dopo opportuna valutazione di ogni singolo caso sotto la vigilanza dell'Asp di Catania

La Regione siciliana rende note le "contestazioni più gravi" mosse alla clinica Gibiino di Catania dopo il caso della piccola Nicole. Sono cinque quell che hanno portato al provvedimento di "sospensione dell'accreditamento limitatamente ai ricoveri finalizzati al parto".

Innanzitutto, segnalano dall'assessorato, "la presenza insufficiente di pediatri-neonatologi, essendo solo due i medici contrattualizzati in regime libero professionale e dunque non in grado di garantire l' assistenza ordinaria e quella in emergenza come disposto dalla legge". Contestata anche "l'inesistenza di una cartella clinica della piccola Nicole per il trasferimento ad altra struttura: la bambina sarebbe stata accompagnata solo da una relazione manoscritta dal contenuto del tutto insufficiente".

La Regione ritiene fosse "inadeguata l'ambulanza utilizzata per il trasporto in emergenza dopo aver ritenuto di non richiedere quella del 118". L'assessorato ha rilevato anche quelle che ritiene "incongruenze nelle comunicazioni con il 118 e un buco temporale di un'ora nella decisione del trasferimento verso Ragusa inizialmente rifiutato". E, infine, "l'inesistenza di una procedura codificata per il trasferimento del paziente in urgenza".

Il provvedimento è stato firmato dal dirigente generale del dipartimento Attività sanitarie ed Osservatorio epidemiologico Ignazio Tozzo e dell'assessore Lucia Borsellino e prevede la "sospensione dalla data oggi e per 90 giorni dell'autorizzazione sanitaria e dell'accreditamento istituzionale alla casa di cure Gibiino limitatamente alle attività di assistenza al parto in regime di ricovero".

La Casa di cura, spiega in una nota l'assessorato regionale alla Salute, deve sospendere tutte le attività e indirizzare le gestanti attualmente ricoverate ad altre strutture abilitate curando il trasferimento dopo opportuna valutazione di ogni singolo caso sotto la vigilanza dell'Asp di Catania.

Alla struttura sono assegnati termini perentori per una serie di adempimenti: entro 30 giorni dovrà far avere al Dipartimento regionale deputato al controllo un preciso piano per superare le criticità riscontrate ed entro dieci giorni dalla ricezione del piano l'assessorato valuterà il medesimo piano ed assegnera' i termini per il suo completamento.

"Questo è uno dei primi provvedimenti - afferma l'assessore alla Salute, Lucia Borsellino - volti alla verifica dei requisiti delle strutture afferenti alla rete materno-infantile pubblica e privata accreditata. Nella fattispecie la clinica dovra' dimostrare di aver messo in assoluta sicurezza tutte le procedure sanitarie previste dalla legge. Non si possono e non si devono - conclude l'assessore - fare sconti a nessuno sulla sicurezza del paziente in ambito sanitario".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento