Morte Raffaele Barresi, M5S:"Un defibrillatore in ogni scuola"

La proposta della senatrice Drago arriva a pochi giorni dalla morte dello studente catanese morto tra i banchi del Liceo “Principe Umberto” di Catania a causa di una crisi cardiaca

“Una legge per garantire un defibrillatore in ogni scuola del Paese al fine di ridurre il più possibile il rischio di morti improvvise negli istituti scolastici”. È la proposta della senatrice catanese del Movimento 5 stelle Tiziana Drago, avanzata ieri (5 dicembre) a Palazzo Madama durante il suo intervento di fine lavori. La proposta della senatrice Drago arriva a pochi giorni dalla morte di Raffaele Barresi, il giovanissimo studente catanese morto tra i banchi del Liceo “Principe Umberto” a causa di una improvvisa crisi cardiaca.

“Ad oggi non esiste alcun obbligo a carico degli istituti scolastici in ordine alla necessità di dotarsi di defibrillatori ed ogni istituto provvede in base alla propria sensibilità”, ha sottolineato la parlamentare del Movimento durante il suo intervento. “Riterrei indispensabile intervenire sullo stato di fatto per garantire, anche con il supporto di risorse finanziarie pubbliche o tramite specifici aiuti, che tutti gli istituti scolastici, e relative succursali o sedi associate, siano dotati di un defibrillatore, assicurando, contestualmente, la presenza presso l'istituto di una o più unità adeguatamente formate all'uso di tali dispositivi ed in generale in grado di fornire interventi di primo soccorso”.

“Tutto ciò affinché le situazioni di emergenza possano essere gestite tempestivamente e con la dotazione di ogni mezzo utile a garantirne l'efficacia dell'azione”, ha aggiunto la parlamentare catanese. Sulla morte di Raffaele Barresi il Ministro della Salute ha espresso la volontà di disporre tutte le opportune verifiche per fare chiarezza su quanto accaduto ed accertare eventuali responsabilità nelle procedure di soccorso. “Purtroppo, sebbene il liceo ‘Principe Umberto’ fosse dotato di defibrillatore e la preside dell’istituto abbia, in attesa dell'arrivo dei soccorsi, personalmente praticato il massaggio cardiaco ed insufflazione, per Raffaele non c’è stato nulla da fare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quanto accaduto deve comunque indurre ognuno di noi a riflettere su quanto sia importante disporre ogni intervento utile a garantire la sicurezza degli studenti, perché la scuola, come ha affermato in questa occasione il Ministro della salute Giulia Grillo, è il primo luogo dove i nostri figli devono sentirsi al sicuro e le istituzioni hanno il dovere di garantire le misure di primo soccorso”, ha concluso la senatrice del Movimento. Dopo l’intervento della Drago l’aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio in memoria del giovane Raffaele Barresi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento