menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incinta al quinto mese muore al Cannizzaro, il Pm chiede il rinvio a giudizio per 7 medici

Imputati sono il primario del reparto, Paolo Scollo i medici del reparto Silvana Campione, Giuseppe Maria Alberto Calvo, Alessandra Coffaro, Andrea Benedetto Di Stefano, Vincenzo Filippello e e l'anestesista Francesco Paolo Cavallaro

La Procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di sette medici del reparto di ginecologia e ostetrici dell'ospedale Cannizzaro per la morte di Valentina Milluzzo, la 32enne alla 19/ma settimana di gravidanza deceduta il 16 ottobre 2016 dopo avere perso, con altrettanti aborti, i due gemelli che aspettava in seguito a una fecondazione assistita. Il reato ipotizzato è concorso in omicidio colposo plurimo.

Nell'inchiesta non si contesta il fatto che i medici siano obiettori di coscienza. Il Gup Giuseppina Montuori ha fissato l'udienza preliminare per il prossimo 17 luglio. Imputati sono il primario del reparto, Paolo Scollo, perché "in posizione di garanzia e con obblighi di controllo e vigilanza"; i medici del reparto Silvana Campione, Giuseppe Maria Alberto Calvo, Alessandra Coffaro, Andrea Benedetto Di Stefano e Vincenzo Filippello, "in servizio nel reparto e in sala parto, avvicendatisi nei turni di guardia"; e l'anestesista Francesco Paolo Cavallaro, "intervenuto in sala parto la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2016".

Caso Milluzzo: "Mia figlia urlava, ma non l'hanno aiutata"

Secondo l'accusa "in concorso e cooperazione tra loro cagionavano con colpa il decesso della gestante" ricoverata per minaccia d'aborto in gravidanza gemellare bicoriale. La Procura contesta ai medici 'colpa professionale" per "imprudenza, negligenza ed imperizia". In particolare "nella mancata attuazione di una terapia antibiotica adeguata" sia il 14 e il 15 ottobre, nel "mancato tempestivo riconoscimento della sepsi in atto", nella "mancata raccolta raccolta di campioni per esami microbiologici", nella "mancata tempestiva rimozione della fonte dell'infezione: i feti e le placente" e la "mancata somministrazione di emazie durante l'intervento". Tutti eventi, che sostiene la Procura di Catania, avrebbero "determinato il trasmodare della sepsi in shock settico irreversibile con conseguente insufficienza multiorgano e coagulazione intravascolare disseminata" che hanno causato il decesso della pazienteDel caso si occupò anche il ministero della Salute che inviò degli ispettori all'ospedale Cannizzaro.

Il racconto del padre di Valentina Milluzzo - Video

La Procura ha indicato come parti offese i familiari della vittima, Francesco Castro, rappresentato dall'avvocato Salvatore Catania Milluzzo, e Salvatore Milluzzo e Giuseppina Moschetto

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Contrastare il Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ristrutturare

Ristrutturare low cost: ecco come comportarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento