Ferito dal padre esasperato dalle liti, giovane muore al Garibaldi

Un gesto disperato del padre nei confronti di un figlio che chiedeva continuamente soldi. Fino a quel pomeriggio in cui il padre Giuseppe, esasperato dalle continue liti, ha preso la pistola che deteneva in casa legalmente e ha scaricato 4 colpi nella pancia del figlio

E’ morto all'ospedale Garibaldi di Catania Gaetano Di Pietro, il giovane di 35 anni che il 12 settembre scorso era stato raggiunto da 4 colpi di pistola all’addome sparati dal padre Giuseppe Di Pietro a Scoglitti.

Un gesto disperato del padre nei confronti di un figlio che chiedeva continuamente soldi. Fino a quel pomeriggio in cui il padre Giuseppe, esasperato dalle continue liti, ha preso la pistola che deteneva in casa legalmente e ha scaricato 4 colpi nella pancia del figlio da distanza ravvicinata. I sanitari hanno dovuto asportare la milza e ricucire lesioni all’emitorace sinistro, stomaco, diaframma intestinale.

Dopo 25 giorni di agonia è morto ieri pomeriggio. Dopo il disperato tentativo dei medici della Chirurgia di Vittoria, il ferito era stato trasportato al "Garibaldi" di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento