Morto il papà di Stefania Noce uccisa a Licodia Eubea nel 2011

Dopo l'omicidio della figlia, si era battuto molto per fare ricordare la tragedia che gli aveva portato via Stefania. Negli anni successivi aveva avuto problemi con la giustizia

E' morto in ospedale Giovanni Noce, il padre di Stefania la ragazza uccisa nel 2011 dal fidanzato Loris Gagliano a Licodia Eubea. Dopo l'omicidio della figlia, si era battuto molto per fare ricordare la tragedia che gli aveva portato via Stefania. Negli anni successivi aveva avuto problemi con la giustizia.

Nel 2015 era stato arrestato e relegato ai domiciliari dopo che, ubriaco, aveva tentato di sfondare la porta d’ingresso dell’abitazione dell’anziana madre. In quel frangente si era scagliato contro i militari intervenuti in soccorso della donna. 

Si ricongiunge adesso alla sua amata Stefania. L'ultima consolazione è stata la decisione della Corte d'assise d'appello di Catania che ha dichiarato inammissibile il ricorso in quanto l'imputato, nella penultima udienza, a sorpresa, aveva chiesto di non essere giudicato. E cosi' diventa definitiva la condanna all'ergastolo inflitta il 5 aprile del 2013 dal Gup di Caltagirone col rito abbreviato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento