E' morto Salvo Cannizzo: chiedeva giustizia per il tumore contratto in Kosovo

Cannizzo nel mese di luglio si era incatenato davanti la sede dell'Ars per chiedere un indennizzo equo a quelle istituzioni che a suo dire "lo avevano abbandonato"

Ha lottato con tutte le sue forze ma il tumore al cervello non gli ha dato via di uscita: è morto, a soli 36 anni, il marò catanese Salvo Cannizzo.  

Sembra che il giovane soldato abbia contratto il “male” in Kosovo, a contatto con l'uranio impoverito. Cannizzo nel mese di luglio si era incatenato davanti la sede dell’Ars a Catania per chiedere un indennizzo equo a quelle istituzioni che a suo dire “lo avevano abbandonato”. Il marò era ormai costretto a vivere su una sedia a rotelle e, con una pensione mensile di soli 769 euro che gli permetteva a stento di mantenere le sue tre figlie.

I suoi funerali saranno celebrati oggi alle 16 dal cappellano militare don Alfio Spampinato nella chiesa di San Leone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento