rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Mostra Chagall, polemica social: botta-risposta tra Mario Venuti e Orazio Licandro

Uno stato facebook del cantante catanese definisce la mostra "una truffa". Immediata la risposta dell'assessore alla Cultura di Catania: "Asini, tromboni e umoristi locali". Intanto dal 18 ottobre al 14 febbraio, polemiche o no, la mostra continuerà ad essere presente al Castello Ursino

Mostra di Chagall, Mario Venuti e Orazio Licandro. Un triangolo inaspettato, ma che in questa settimana si è generato dopo uno stato facebook che il cantante catanese ha postato sul proprio profilo.

“La mostra di Chagall giá ospitata al Chiostro del Bramante a Roma, arriva a Catania. Bene, sappiate che è una truffa: ci sono solo disegni a china e neanche un olio su tela!” scrive Venuti.

Arrivano subito tanti commenti a invadere lo stato del cantautore. Circa un centinaio, con opinioni diverse e discordanti, tanto da far esplodere una vera e propria polemica social. Pareri personali si mescolano in una miscellanea di opinioni, sia positive, che negative.

Non tarda ad arrivare, dopo il diffondersi della polemica, la risposta dell'assessore alla Cultura di Catania, Orazio Licandro, il quale scrive: "Spero comunque che asini, tromboni e umoristi locali vadano a vedere la mostra di Chagall. È possibile, non probabile, che una qualche fiammella gli si possa accendere dentro. Come dite? Pensate che possiedo un infinito ottimismo verso taluni umani? Sì, lo confesso: seppure irragionevolmente, penso che possa accadere anche ad asini, tromboni e umoristi locali!". 

Intanto dal 18 ottobre al 14 febbraio, polemiche o no, la mostra continuerà ad essere presente al Castello Ursino di Catania, aperta a tutti coloro che vorranno visitarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra Chagall, polemica social: botta-risposta tra Mario Venuti e Orazio Licandro

CataniaToday è in caricamento