Scoperto un deposito di moto rubate a Librino: dopo poche ore erano "fatte a pezzi"

Un controllo effettuato presso l'abitazione di due soggetti pluripregiudicati per gravi reati e sottoposti agli arresti domiciliari ha portato alla scoperta del deposito

Nella giornata di ieri gli agenti del Commissariato Librino hanno effettuato dei controlli volti a contrastare l'illegalità diffusa in viale Grimaldi. Particolare rilievo assume il controllo effettuato presso l'abitazione di due soggetti pluripregiudicati per gravi reati e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari. Durante l' accesso, i poliziotti hanno notato che gli stessi si trovavano nel cortile di pertinenza esclusiva della propria abitazione,  occupato abusivamente e di proprietà del Comune di Catania. Era stata allestita illegalmente un'officina e rivendita di pezzi di ricambio moto, ovviamente abusiva.2965bc04-3f32-45fd-ba2e-0b43c0172136(1)-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due detenuti si trovavano con altri due soggetti intenti a smontare un Bmw R GS 1250 che risultava essere stato rubato 2 giorni prima ad Acicastello ad un turista venuto in moto da Roma. E' stata quindi estesa la perquisizione in tutti i locali, inclusa l'abitazione e sono stati rinvenuti altri 2 SH 300 rubati in attesa di essere smontati, uno dei quali sottratto al proprietario poche ore prima. All'interno della spazzatura e nei luoghi di pertinenza sono state rinvenute molte targhe di motocicli già rubati, certificati di proprietà, carte di credito e, fatto di rilevo, i veicoli associati alle targhe rubate erano già stati smontati e i vari pezzi imballati ai fini della vendita in apposito cellophane. Alla luce di quanto emerso, il controllo è stato approfondito rinvenendo un ingente quantitativo di autoricambi rubati. In particolare si è proceduto al seguente sequestro penale di tre motocicli risultati rubati, 4 targhe di moto rubate, 3 telai di sempre di mezzi a due ruote risultati rubati. C'erano poi 11 motori di sospetta provenienza furtiva, 6 telai di motoveicoli di sospetta provenienza furtiva, 6 motoveicoli sempre di sospetta provenienza furtiva, altre targhe, diverse banconote di vario taglio, pedane, numerosi cerchioni con copertoni, copri serbatoi, marmitte, radiatori, serbatoi, numerosi sedili compresi di porta oggetti, forcelle, bauletti, cavalletti, carica batteria, 2 saldatrici a filo continuo. Ed ancoras: 5 mola smeriglio, un avvitatore, un trapano, un compressore, una cassetta attrezzi plastica contenenti varie chiavi e pinze, una scatola in legno contente filiere per uso filettature, varie chiavi per lo smontaggio, rifiuti speciali pericolosi, una carta di credito, un bancomat, delle carte di circolazione, fogli complementari, un blocco notes contenti appunti vari utili per le indagini, 1 quaderno indicante contabilità varie, 1 coltellino a serra manico con lama da taglio a 6 cm e 2 quadernoni contenenti dati utili per le indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento