Raid intimidatorio alla motorizzazione, portati via apparecchi per revisioni

Messa in atto una violenta intrusione negli uffici, sfondando le porte con delle mazze e portando via da un deposito alcune apparecchiature utilizzate per le revisioni dei veicoli

Questa mattina un violento raid intimidatorio è stato messo in atto presso la sede operativa della motorizzazione civile etnea di Pantano d'Arci nella zona industriale di Catania. Secondo una prima ricostruzione, uno o più soggetti avrebbero compiuto una violenta intrusione negli uffici, sfondando le porte con delle mazze e portando via, da un deposito, alcune apparecchiature utilizzate per le revisioni dei veicoli.

Rinvenuta anche una miccia lunga almeno una ventina di metri. Nello specifico si tratta di una corda imbevuta di materiale infiammabile, bruciata quasi del tutto e collegata al monitor di un pc. Sul posto è giunta tempestivamente la polizia, allertata dai dipendenti, che ha avviato i rilievi del caso con gli agenti di squadra mobile, volanti e polizia scientifica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore regionale Marco Falcone si recherà domani alla motorizzazione di Catania per testimoniare la vicinanza del governo regionale ai dipendenti. "I contorni di quanto accaduto, se confermati come pare probabile, sono preoccupanti - ha concluso Falcone - e confidiamo nell'egregio lavoro delle forze dell'ordine per fare piena luce sui fatti. La strada maestra, per la Motorizzazione catanese e tutta l'amministrazione regionale, resta sempre il rigore e l'efficienza nel lavoro di ogni giorno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento