Movida e controlli della polizia, nel mirino i pub del centro storico

Su quattro pub controllati, tre sono stati sanzionati proprio per aver occupato il suolo pubblico illegalmente, mentre uno non aveva esposto la tabella riportante i prezzi dei prodotti venduti

Continuano i servizi di controllo del centro storico in sinergia tra Forze dell’Ordine. Così, nella serata di venerdì scorso, nell’ambito dell’attività presidiaria predisposta nel capoluogo etneo, agenti della polizia con la collaborazione della guardia di finanza, della polizia locale e dell’Esercito ha effettuato controlli straordinari nel centro storico, con particolare riguardo alle zone della movida e all’area di via Landolina, dove insistono numerosi pub. Sebbene le condizioni atmosferiche non fossero ideali per viaggiare in moto, tre motociclisti sono stati fermati, controllati e sanzionati, ancora per il mancato uso del casco, due motoveicoli sono stati sottoposti a fermo amministrativo per tale ragione. Il report dell’attività di vigilanza sull’osservanza delle norme del Codice della Strada elenca oltre 14 infrazioni rilevate che vanno dal già cennato mancato uso del casco, alla guida senza patente, alla mancata revisione del veicolo e al mancato uso delle cinture di sicurezza. A dispetto della pioggia insistente, decine sono state le persone identificate e controllate, ma la maggiore attività ha riguardato, ancora una volta, gli esercizi pubblici, alcuni dei quali, nonostante i pregressi servizi di controllo del territorio effettuati nella medesima zona, sono stati nuovamente “pizzicati” in situazioni di illiceità.Sotto la lente degli agenti, sempre i pub che, come nel recente controllo effettuato proprio in via Landolina quando vennero irrogate diverse sanzioni per l’abusiva occupazione di suolo pubblico, rimangono un elemento sotto osservazione proprio per quanto attiene la legalità della conduzione dell’esercizio. E, in effetti, su quattro pub controllati, tre sono stati sanzionati proprio per aver occupato il suolo pubblico illegalmente, mentre uno non aveva esposto la tabella riportante i prezzi dei prodotti venduti. L’impegno sulla prevenzione e sul sanzionamento di tali illeciti rimarrà alta e costante, con periodici e mirati servizi di controllo e accertamento. L’ammontare delle sanzioni comminate nel corso del servizio supera i 7.300 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Librino, in due sullo scooter con un neonato di 26 giorni nel mezzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento