Movida a rischio vandalismo e bullismo: più vigili in abiti civili

A seguito degli atti di vandalismo e bullismo registrati, si provvederà a un ulteriore rafforzamento dei controlli. Massimo Pesce, Assessore alla Polizia Municipale assicura: "Il presidio dei vigili sarà ancora più rafforzato"

Continuano i controlli per rendere più sicura la movida. Si cerca di eliminare la vendita di alcol ai minori e la somministrazione di birra e liquori ai banconi. E per garantire un controllo serrato, il Sindaco Raffaele Stancanelli vuole coinvolgere altre forze di Polizia.

In particolare, i vigili urbani - già lo scorso fine settimana - hanno potenziato i controlli anche con un camper in Piazza Bellini. Nonostante queste disposizioni, non sono mancati gli atti di vandalismo. Sabato notte, infatti, i teppisti hanno preso di mira una piccola cabina elettrica dell’Enel, ubicata in una delle due stradine che costeggiano il Teatro Massimo Bellini.

Per tentare di identificare i responsabili dell’episodio di sabato notte, l’assessore Pesce ha già chiesto al Teatro Massimo Bellini le immagini registrate da una telecamera posta proprio sulla strada dove è ubicata la cabina dell’Enel al fine di essere visionate dagli uffici della Polizia giudiziaria.

A seguito degli atti di vandalismo e bullismo registrati, si provvederà a un ulteriore rafforzamento dei controlli. Massimo Pesce, Assessore alla Polizia Municipale assicura: "Il presidio dei vigili sarà ancora più rafforzato, con l'impegno di una squadra ad hoc formata da dieci agenti, metà dei quali in abiti civili".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento