rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Movimento Vite sospese, si torna a protestare a Montecitorio

Gli organizzatori indossano magliette con su scritto: "Non ho più voglia di morire. Curarmi non è un reato". Tra i manifestanti c'è anche il fratello di una donna di 65 anni malata di sla che intende scrivere al papa per chiedergli un aiuto morale"

I malati di distrofia muscolare, sla e altre patologie simili tornano a protestare davanti alla Camera dei deputati. La manifestazione è stata organizzata dal Movimento Vite sospese, fondato da Pietro Crisafulli, fratello di Salvatore che morì il 21 febbraio 2013 mentre era in attesa di essere autorizzato a curarsi con il metodo Stamina. 

"Oggi torniamo a manifestare dopo il presidio che organizzammo dal 23 luglio scorso, sempre qui in piazza di Montecitorio", ha spiegato Crisafulli, aggiungendo: "stanno arrivando tre pullman dalla Sicilia, uno dalla Puglia e uno dalla Lombardia, pieni di pazienti che chiedono di essere curati con il metodo Stamina, e dei parenti che li accompagnano".

Al sit-in sono già presenti i fratelli Viviano, Marco e Sandro, affetti da distrofia muscolare. In piazza è stata allestita una tenda sulla quale e' stato affisso uno striscione che dice: "Si' alle staminali. Presidio a oltranza".

Gli organizzatori indossano magliette con su scritto: "Non ho più voglia di morire. Curarmi non è un reato". Tra i manifestanti c'e' anche il fratello di una donna di 65 anni malata di sla che intende scrivere al papa per chiedergli un aiuto morale e di sensibilizzare il parlamento affinchè si possa accedere al metodo Stamina senza alcun tipo di ostacolo. Alla protesta dovrebbe partecipare il fondatore del metodo Stamina, Davide Vannoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento Vite sospese, si torna a protestare a Montecitorio

CataniaToday è in caricamento