rotate-mobile
Cronaca

Multe agli incivili nel IV municipio a Catania, il plauso del presidente Buceti

"Scoraggiare certi soggetti dal continuare imperterriti la loro opera di abbandono di materiale ingombrante, o comunque non consono alla differenziata, rappresenta - ha detto il presidente del IV municipio, Erio Buceti - un decisivo segnale di rottura con il passato quando Cibali e San Giovanni Galermo erano considerati i “quartieri-discarica”

La politica di repressione nei confronti dei comportamenti incivili di troppi soggetti sta dando importanti risultati. I verbali di contravvenzione, per conferimento in strada di rifiuti non conforme alle regole della differenziata porta a porta, tra Cibali e San Giovanni Galermo segna il percorso per avere definitivamente due quartieri più vivibili per i residenti. “

A questo proposito desidero fare un plauso all’amministrazione comunale e alle forze di polizia municipale - afferma il presidente del IV municipio, Erio Buceti - la rimozione delle discariche abusive nel nostro territorio prosegue senza sosta. Le montagne di spazzatura vengono raccolte dai mezzi e dagli operai della Società Gema, in piena collaborazione con il comune di Catania, nell’ottica di un costante ritorno alla normalità. Scoraggiare certi soggetti dal continuare imperterriti la loro opera di abbandono di materiale ingombrante, o comunque non consono alla differenziata, rappresenta un decisivo segnale di rottura con il passato quando Cibali e San Giovanni Galermo erano considerati i “quartieri-discarica”. E’ bene ribadire - prosegue Buceti - che la maggior parte dei soggetti multati vive nei paesi dell’hinterland etneo e pratica questa “transumanza” dello scarico illegale di rifiuti in totale danno degli abitanti della zona che dimostrano, con i fatti, come la raccolta porta a porta sia l’unica ed esclusiva via per l'eliminazione delle discariche”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe agli incivili nel IV municipio a Catania, il plauso del presidente Buceti

CataniaToday è in caricamento