Controlli di polizia ai posteggiatori: multe per altri tre abusivi

Sono stati individuati e sanzionati amministrativamente tre parcheggiatori nei pressi dell’ospedale Garibaldi Centro, in via Luigi Rizzo ed in Piazza della Repubblica

La polizia di Catania sta proseguendo la sua "lotta" contro i parcheggiatori abusivi. I pattigliamenti rientrano nell'ambito della direttiva del Comitato di Ordine e Sicurezza Pubblica, presieduta dal prefetto Claudio Sammartino e sono stati disposti, con ordinanza di servizio, dal questore Mario Della Cioppa. Nella sola giornata di ieri altri parcheggiatori abusivi sono stati sanzionati, oltre “l’esercito” di quelli già colpiti nei mesi precedenti. In queste ultime settimane l' azione di contrasto sarà sempre più decisa e forte su tutto il territorio cittadino. In particolare, sono stati individuati e sanzionati amministrativamente tre parcheggiatori nei pressi dell’ospedale Garibaldi Centro, in via Luigi Rizzo ed in Piazza della Repubblica.

Qualora venissero nuovamente sorpresi ad esercitare l' attività abusiva, verranno denunciati penalmente in quanto la nuova normativa introdotta dal decreto sicurezza 2018 ha stabilito che, se nell’attività sono impiegati minori o se il soggetto è stato già sanzionato per la medesima violazione con provvedimento definitivo, la violazione amministrativa si trasforma in reato punito con l’arresto da sei mesi ad un anno e con ammenda da 2 mila a 7 mila euro.

"La polizia di Stato e la questura di Catania, anche attraverso segnalazione diretta - dichiara il questore Mario Della Cioppa - alle pattuglie su strada, sollecita eventuali informazioni da parte di cittadini che indicano aree ove sono presenti parcheggiatori. Oltre quelle già individuate dalla stessa Questura e già oggetto di numerosi interventi di controllo del territorio. Una testata giornalistica ha recentemente riportato la segnalazione di un cittadino sulla presenza di abusivi sul piazzale Asia, soprattutto il sabato sera, ringraziamo il cittadino che ha inteso segnalarlo ed ho immediatamente disposto alle pattuglie in servizio di operare un monitoraggio dell’area per poi intervenire drasticamente, reprimerlo subito. Richiedo la massima collaborazione dei cittadini affinché siano segnalati casi di richieste petulanti, a volte anche velate di minacce, per estirpare il fenomeno una volta per tutte. E’ chiaro che in questo senso la collaborazione dei cittadini è fondamentale evitando di aderire alle richieste di questi soggetti ed anzi segnalando, anche in forma anonima, la loro presenza molesta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento