Multiservizi, Fisascat Cisl: "I lavoratori chiedono certezze"

"Le rassicurazioni non bastano, occorre un tavolo con il Comune" ha affermato Rita Ponzo segretaria generale della Fisascat Cisl di Catania dopo il sit in di protesta per i ritardi nel pagamento degli stipendi

"I lavoratori della Multiservizi hanno bisogno di certezze. L’amministrazione convochi un tavolo per dire quali prospettive vuole dare all’azienda". Così commenta Rita Ponzo, segretaria generale della Fisascat Cisl di Catania, l’incontro avuto  con l’amministrazione comunale, in occasione del sit in di protesta dei lavoratori della partecipata comunale. La protesta è contro i ritardi nella corresponsione degli stipendi, la mancanza di liquidità per acquistare il materiale da utilizzare, e l’incertezza per il futuro, data anche l’imminente scadenza dei servizi di pulizia e custodia dei servizi giudiziari catanesi. Una delegazione è stata ricevuta da Francesco Marano, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, e si è messa in contatto con l’assessore al Bilancio Salvatore Andò.

"Apprezziamo l’impegno del dottor Marano – aggiunge Ponzo – che ha mantenuto la promessa nonostante la maratona consiliare notturna per approvare il bilancio. Abbiamo ricevuto rassicurazioni dall'assessore Andò del bonifico già avvenuto per pagare gli stipendi e della presenza di somme in bilancio che verranno stornate alla Multiservizi per interventi manutentivi. Ma diciamo subito che tutto questo basta solo per ora: vogliamo un tavolo di confronto in cui l’amministrazione comunale definisca un percorso certo per l’azienda".

"È necessario ad esempio – aggiunge Ponzo – snellire l’iter burocratico con cui vengono accreditati gli stipendi e pagate le fatture, troppo farraginoso e che genera le lentezze che denunciamo, con tempi che sono arrivati anche a sfiorare i 45 giorni. E occorre definire finalmente il destino dell’appalto per i servizi negli uffici giudiziari che sono sempre in proroga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento