rotate-mobile
Cronaca

Muore in un incidente, parenti aggrediscono infermiere e danneggiano il Pronto soccorso

Calci e i pugni contro le porte danneggiando attrezzature, carrelli, defibrillatori e pc. Aggredito anche un infermiere che ha riportato una ferita all'orecchio con 5 giorni di prognosi. A denunciare l'accaduto è la F.S.I. Federazione Sindacati Indipendenti

La scorsa notte, a seguito di un incidente stradale, un giovane è stato soccorso dal 118 e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi di Catania. I medici, purtroppo, non hanno potuto far altro che constatare il decesso. I familiari del ragazzo, in preda alla rabbia e al dolore, sono andati in escandescenza. Presso l'ambulatorio di chirurgia, i familiari hanno spaccato tutto.

Calci e i pugni contro le porte danneggiando attrezzature, carrelli, defibrillatori e pc. Aggredito anche un infermiere che ha riportato una ferita all'orecchio con 5 giorni di prognosi. A denunciare l'accaduto è la F.S.I. Federazione Sindacati Indipendenti. Sul posto sono subito intervenuti i poliziotti, allertati dai camici bianchi con il pulsante diretto, collegamento tra la sala operativa della Polizia di Stato e i pronto soccorso della città, previsto dal protocollo assessorato-questura, per placare gli animi. Inutile l'intervento della guardia giurata che, infatti, ha avuto bisogno dei rinforzi della polizia. Al momento pare non ci sia nessuna denuncia.

L'azienda dovrà anche quantificare i danni subiti alle struttura e alle attrezzature. Coniglio segretario regionale CNI-FSI Coordinamento Nazionale Infermieri aderente alla Federazione Sindacati Indipendenti e Vincenzo Messina Segretario Territoriale FSI di Catania: “Cogliamo l’occasione per porgere la nostra solidarietà ai colleghi coinvolti nelle aggressioni, assicurando che questa organizzazione sindacale continuerà a vigilare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore in un incidente, parenti aggrediscono infermiere e danneggiano il Pronto soccorso

CataniaToday è in caricamento