Muos, tribunale di Caltagirone: "Deve rimanere sotto sequestro"

Il tribunale calatino ha rigettato la richiesta di dissequestro presentata dal ministero della Difesa ritenendo che il Muos si trovi in un'area inedificabile

Rimangono i sigilli sulla stazione di trasmissione militare americana a Niscemi. A deciderlo è stato il giudice Cristina Lo Bue che ha raccolto la richiesta di mantenimento del sequestro avanzata dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera e dell'avvocato Goffredo D'Antona in rappresentanza dall' associazione antimafie Rita Atria. Il tribunale ha rigettato la proposta di dissequestro presentata dall'avvocatura dello Stato su richiesta del ministero della Difesa.

La richiesta del ministero era stata depositata dopo che il Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo il 6 maggio scorso ha di fatto chiuso la vicenda sulle autorizzazioni rilasciate dalla Regione,ritenendole legittime.Il tribunale di Caltagirone ha consideraro non influente  la decisione del Cga sul piano penale, ma ha invece ritenuto ancora valide le motivazioni per il sequestro disposto, perché il Muos si trova in un'area ambientale a inedificabilità assoluta.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento