Museo del Cinema, presentato il volume postumo di Sebastiano Gesù

Il testo è stato pubblicato a cura di Elena Russo e Sebastiano Pennisi, due allievi dello studioso di cinema recentemente scomparso

Al Museo del Cinema è stato presentato il volume postumo di Sebastiano Gesù,  “La magnifica visione. Il paesaggio siciliano nel cinema”, pubblicato a cura di Elena Russo e Sebastiano Pennisi, due allievi dello studioso di cinema recentemente scomparso. All’incontro ha preso parte il regista Pasquale Scimeca, legato da profonda amicizia all’autore che – a suo dire – è stato con Enrico Ghezzi uno dei maggiori critici cinematografici italiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presentazione del volume ha offerto occasione per ricordare il profilo umano di Sebastiano Gesù e per sottolineare cosa lui intendesse per “visione” e “paesaggio”: dietro a questi due termini generici, si nascondeva la sua filosofia e il suo modo di intendere mondo. Concetti complessi, che hanno a che fare con le avventure dello sguardo che vede le cose attraverso la lente dei grandi scrittori: Verga e Pirandello, in primo luogo, ma anche altri autori che hanno ispirato cineasti per film che colgono aspetti profondi delle cose e, soprattutto, il paesaggio dell’anima siciliana. Il rapporto tra il mondo reale e a quello dell’immaginario - costituito dalla pagina scritta di alta letteratura – fa da base all’ultimo volume di Sebastiano Gesù: qui egli si sofferma soltanto su alcuni film e registi, quelli cioè che hanno saputo esprimere la vera essenza del paesaggio siciliano (Germi, Pasolini, i Taviani, Scimeca) mentre tace di altri (Rossellini, Antonioni, Olmi, Vancini) che non hanno avuto un immediato contatto tra letteratura e cinema. Impreziosito da un ricchissimo apparato iconografico (foto di scena, manifesti e locandine cinematografiche), il saggio è stato progettato per accompagnare la proiezione del documentario (38 minuti) “Hanno ammazzato cumpari Turiddu” (2018) di Sebastiano Pennisi e Elena Russo, realizzato con la supervisione artistica di Sebastiano Gesù, in collaborazione con gli alunni del Liceo Artistico Statale M.M. Lazzaro di Catania. Il documentario scava, intessendo interviste, fotografie e filmati d'epoca, nel controverso rapporto tra Verga e la “settima arte” e focalizza la sua attenzione sull’influsso morale che l’opera letteraria verghiana ha esercitato sul cinema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento