La Lega Nord contro il museo egizio a Catania: "Ci sdraieremo davanti alle porte"

Fabrizio Ricca, esponente piemontese del partito di Salvini, annuncia battaglia dichiarando di essere disposto a sdraiarsi davanti alle porte per impedire che i preziosi monili siano portati in Sicilia

L'ipotesi di trasferimento di una parte dei reperti del museo egizio di Torino a Catania ha mandato su tutte le furie la Lega Nord. Fabrizio Ricca, esponente piemontese del partito di Salvini, annuncia battaglia dichiarando di essere disposto a sdraiarsi davanti alle porte per impedire che i preziosi monili siano portati in Sicilia.

“Abbiamo presentato un Question Time urgente per sapere se corrisponde al vero che 17mila reperti ora in custodia del Museo Egizio verranno trasferiti a Catania a seguito di un accordo con l’istituto piemontese per una presunta mancanza di spazi espositivi. Se questo fosse confermato- afferma Ricca - oltre che farci arrabbiare ci vedrà scendere in piazza. Non è possibile che Fassino, tanto vanitoso del suo successo nel turismo, possa permettere una tale rapina. Al posto di costringere il museo a decentrare l’esposizione si attivi immediatamente affinchè si trovi lo spazio. Se cosi non fosse ci sdraieremo davanti alle porte per impedire il trasferimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento