Myrmex, le istituzioni non rispondono e i lavoratori si preparano alla lotta

Nonostante le tante rassicurazioni dei mesi scorsi, la vertenza non ha registrato alcuna novità

foto archivio

Si preparano a nuovi giorni di lotta i ricercatori ex Myrmex che si dichiarano "ancora una volta lasciati al nostro destino dalle istituzioni. Dalla Regione Sicilia alla Prefettura sino al Comune di Catania". Nonostante le tante rassicurazioni dei mesi scorsi, la vertenza non ha registrato alcuna novità.

"In particolare, la Regione non prende in considerazione la propria delibera e si espone anche ad una eventuale nostra denuncia per ostruzionismo, la Prefettura non convoca le parti al Ministero come concordato nel verbale di riunione redatto nello scorso agosto, e il Comune di Catania non media. Il tempo trascorre ai danni degli ex lavoratori oramai sprovvisti anche degli aiuti post disoccupazione", commentano i segretari di Filctem e Cgil, Jerry Magno, Giovanni Romeo, Giacomo Rota e Margherita Patti. La storia della Myrmex è nota.

Il laboratorio di ricerca nel 2010 venne ceduto dalla Pfizer per il prezzo simbolico di un euro alla Myrmex, ma la cessione fu subordinata al mantenimento degli impegni sottoscritti garantiti dalla Regione con la deliberazione della giunta regionale del 5 agosto 2011. L’immobile catanese che ospita le attrezzature e che per anni ha ospitato il lavoro prezioso di una squadra di ricercatori, pertanto, dovrebbe rientrare nella disponibilità della Regione per la successiva cessione a terzi ovvero ad un imprenditore interessato all’acquisto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da tempo, però, Roberto Giusti dell’azienda Prestafarma, ha già dichiarato alla Regione la volontà d’investire a Catania nel campo della farmaceutica e della ricerca, manifestando in particolar modo l’interesse per il laboratorio ed il mantenimento dei livelli occupazionali. L’ipotesi progettuale dell’imprenditore Giusti che consisterebbe in ricerca e sviluppo, produzione di pillole e produzione di creme, e uso magazzino, se realizzata nel laboratorio della Myrmex in 6-8 mesi potrebbe già occupare i lavoratori licenziati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento