Nasce Wind jet Spa: cassa integrazione e non mobilità per i 504 lavoratori

I 504 lavoratori della Wind jet non saranno messi in mobilità: l'azienda catanese ha deciso di ricorrera alla cassa integrazione e non alla mobilità, di tutto il personale che ha, cioè 504 dipendenti di cui 442 a tempo indeterminato

I 504 lavoratori della Wind jet non saranno messi in mobilità. Si procede, quindi, con la Cassa integrazione, soluzione che scongiura di arrivare all'integrazione dell'azienda siciliana con l'Alitalia evitando la posizione già attuata di risoluzione dei rapporti di lavoro.

La nuova società è già stata costituita, si chiama Wind jet Spa e, all'interno, i lavoratori della vecchia compagnia continueranno ad avere una loro posizione.
I sindacati presenti all'incontro di lunedì sera, Filt Cgil e Uil Trasporti, temono che nel passaggio dalla vecchia alla nuova compagnia, l'Alitalia possa avere la tentazione di liberarsi di un bel po' del personale che attualmente è in forza a Wind jet.

Onde evitare questa grave situazione occupazionale, l'azienda catanese ha deciso di ricorrera alla cassa integrazione e non alla mobilità, di tutto il personale che ha, cioè 504 dipendenti di cui 442 a tempo indeterminato.

Adesso le organizzazione sindacali e l'azienda, chiederanno l'incontro immediato al Ministero per la concessione della Cassa integrazione per un periodo massimo di 48 mesi che interesserà tutto il personale in forza a tempo indeterminato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento