Aggredisce la sorella, nasconde spade e armi in casa: denunciato

Dopo aver aggredito la sorella gli agenti del commissariato Borgo-Ognina hanno perquisito l'abitazione e l'attività commerciale dell'uomo trovando un vero e proprio arsenale

Una donna ha denunciato di essere stata aggredita da suo fratello che, tra l’altro, risultava essere detentore di alcune armi. Gli agenti del commissariato Borgo-Ognina hanno quindi perquisito l'attività commerciale dell'uomo e trovato delle munizioni e cinque pistole, tre delle quali risultavano non legalmente detenute e comunque custodite in modo negligente.

La perquisizione è stata estesa all’abitazione dell’uomo dove sono stati trovati cinque fucili, delle munizioni, una sciabola ed una spada illegalmente detenuti. Durante la perquisizione sono stati  ritrovati anche numerosi manufatti in avorio la cui detenzione è illegale. 

L'uomo è stato indagato per i reati relativi alla detenzione illegale, l’omessa custodia delle armi e alla detenzione illegale di parti di animali derivanti da specie protetta. Nel corso dell’attività è stata anche perquisita anche una galleria d’arte dove l’uomo in passato aveva ricoperto un incarico. Tuttavia, durante il controllo è emerso che l'attività era del tutto abusiva e, per questo motivo, di concerto con il  personale della polizia locale intervenuto sul posto, è stata contestata al titolare una sanzione pecuniaria per la mancata autorizzazione Scia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento