menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Naufragio immigrati, cade l'accusa per gli scafisti killer: escluso l'omicidio volontario

Il tunisino Radouan resta in carcere, il marocchino Bouchab va ai domiciliari. "Prima leggeremo il provvedimento, ma poi ricorreremo certamente", ha replicato il procuratore di Catania, Giovanni Salvi

 Il Tribunale del riesame di Catania ha annullato il capo d'imputazione per omicidio volontario contestato ai due presunti scafisti del peschereccio carico di migranti che il 12 maggio fece naufragio, causando la morte di 17 persone.

Il tunisino Radouan resta in carcere, il marocchino Bouchab va ai domiciliari. "Prima leggeremo il provvedimento, ma poi ricorreremo certamente", ha replicato il procuratore di Catania, Giovanni Salvi.

L'accusa è stata riqualificatai in morte come conseguenza di altro reato per decisione del Riesame, presieduto da Maria Grazia Vagliasindi. Nell'ordinanza rimane anche la contestazione di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Resta dunque in carcere il tunisino Haj Hammouda Radouan, 23enne ritenuto il "capitano" del peschereccio, mentre per Hamid Bouchab, anch'egli di 23 anni, i giudici hanno disposto i domiciliari con l'uso del braccialetto elettronico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento