Nel 2014 troppi infortuni e malattie professionali, al via progetto "Dignità nel Lavoro"

"Solo nel 2014, in Italia sono state presentate 663.000 denunce di infortunio e ben 57.000 di malattie professionali; il nostro obiettivo è ridurre i rischi nei luoghi di lavoro e tutelare le migliaia di lavoratori che ogni giorno garantiscono servizi". È il direttore dell'Inca Cgil di Catania, Vincenzo Cubito a segnalare i dati

Nel 2014 troppi infortuni e malattie professionali. Via al progetto che punta ad evidenziare i danni da lavoro e le malattie professionali anche in provincia di Catania. "Solo nel 2014, in Italia sono state presentate 663.000 denunce di infortunio e ben 57.000 di malattie professionali; il nostro obiettivo è ridurre i rischi nei luoghi di lavoro e tutelare le migliaia di lavoratori che ogni giorno garantiscono servizi". È il direttore dell'Inca Cgil di Catania, Vincenzo Cubito a segnalare i dati che la dicono lunga sulla necessità di tutelare i dipendenti delle strutture ospedaliere pubbliche, comprese quelle della provincia di Catania esposti quotidianamente a rischi derivanti dal lavoro che svolgono.

Nei giorni scorsi è stato presentato dal Patronato Inca e dalla Funzione Pubblica Cgil Catania, dipartimento Sanità, il progetto "Dignità nel Lavoro, diritto alla salute" alla presenza del medico legale dell’Inca nazionale Marco Bottazzi e del responsabile regionale Inca Vito Ciulla.

Per l'occasione saranno formati i delegati della aziende ospedaliere che intervisteranno i colleghi attraverso un questionario. Obiettivo: da far emergere eventuali danni da lavoro o malattie professionali. Spiega il segretario generale della FP CGIL di Catania, Gaetano Agliozzo: "Gli infortuni sul lavoro nelle strutture ospedalieri sono spesso il frutto dello stress eccessivo, a sua volta collegato a turni massacranti e a carichi di lavoro impensabili, anche nei pronto soccorsi. Abbiamo più volte denunciato queste verità con dati e testimonianze e torneremo ancora una vota sull'argomento non appena avremo a disposizione i risultati delle interviste somministrate attraverso i questionari. Non appena avremo chiara la fotografia del reale, la divulgheremo all'opinione pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento