Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca San Giovanni la Punta

Nel giorno del saluto a Laura, la sorella Marica si risveglia

Una macchina straordinaria di solidarietà quella che si è messa in moto in questi giorni per salvare Marica, con 120 donazioni di sangue del gruppo zero negativo, quello necessario alla ragazzina, giunte da ogni parte, persino dalla Svizzera e dall'Egitto

Sta riprendendo conoscenza, anche se non è ancora del tutto vigile, Marica Russo, la ragazza di 14 anni ferita gravemente a coltellate venerdi' dal padre, che ha ucciso la sorella di 12 anni, Laura.

L'equipe medica del reparto di Rianimazione dell'ospedale "Garibaldi" di Catania conferma il "cauto ottimismo" sulle sue condizioni di salute migliorate dopo una prima fase di instabilita' emodinamica. "Bella e fragile come un cerbiatto ferito" la descrive il direttore del reparto di Rianimazione dell'ospedale, Sergio Pintaudi.

Funerali Laura Russo

"Anche tra queste mura che hanno visto passare migliaia di persone con le loro storie dolorose -aggiunge il medico- quello che è successo a Marica e alla sua sorellina Laura sconvolge, va al di la' di ogni tragedia per la sua atrocità. Tutto il personaleè' impegnato a seguire la piccola non solo dal punto di vista clinico, ma anche psicologico".

Una macchina straordinaria di solidarietà quella che si è messa in moto in questi giorni per salvare Marica, con 120 donazioni di sangue del gruppo zero negativo, quello necessario alla ragazzina, giunte da ogni parte, persino dalla Svizzera e dall'Egitto. La direzione dell'ospedale Garibaldi sta adesso valutando la possibilita' di aprire un punto di riferimento per gruppi sanguigni rari, come quello di Marica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel giorno del saluto a Laura, la sorella Marica si risveglia

CataniaToday è in caricamento