Nesima, due pistole lasciate custodite in modo errato: sequestrate

Entrambe le pistole, una calibro 7,65 e una calibro 9x21, sono state sequestrate, così come tutte le 70 cartucce, al fine di richiedere, per il loro proprietario, il divieto di detenzione di armi

Nell’ambito di mirati controlli volti a verificare la regolarità della detenzione delle armi legittimamente possedute dai residenti della zona Nesima, gli agenti del Commissariato di zona, lo scorso 18 settembre, hanno effettuato una serie di verifiche tra i proprietari di armi. 

Da uno, in particolare, è emerso che una persona in possesso di due pistole aveva omesso di comunicare il cambio del proprio domicilio; quindi, grazie a un’attenta attività di indagine si è risaliti all’attuale indirizzo dell’uomo e, dopo averlo rintracciato, si è proceduto al controllo dello stato di detenzione delle armi che non sono risultate essere custodite secondo i criteri imposti dalla legge.

Per questi motivi, dopo aver messo in sicurezza le armi da fuoco, l’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per la mancata ripetizione di denuncia relativa alla variazione del domicilio in cui le armi erano custodite e per omessa custodia delle armi, in considerazione del fatto che le pistole potevano essere pericolosamente utilizzate da familiari conviventi. Entrambe le pistole, una calibro 7,65 e una calibro 9x21, sono state sequestrate, così come tutte le 70 cartucce, al fine di richiedere, per il loro proprietario, il divieto di detenzione di armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento