Nico Torrisi ritorna alla Sac: è il nuovo amministratore delegato

Il nome di Torrisi, presidente regionale di Federalberghi, è stato proposto dalla Camera di Commercio di Ragusa e dalla Città metropolitana di Catania

Nico Torrisi è il nuovo amministratore delegato della Sac, società di gestione dell’aeroporto di Catania. Il nome di Torrisi, presidente regionale di Federalberghi, è stato proposto dalla Camera di Commercio di Ragusa e dalla Città metropolitana di Catania.

La sua nomina ha avuto anche il sostegno del presidente della Regione Siciliana con il suo 75% di voti in seno al consiglio. Prende, così, il posto di Ornella Laneri, estromessa per mancanza di requisiti dal collegio dei sindaci a pochi mesi di distanza dalla sua elezione.

Già Torrisi aveva ricoperto lo stesso ruolo alla Sac nel 2012. La settimana scorsa erano stati proprio i commissari a chiedere il rinvio per vericare i requisiti statutari.

Compagnia delle Opere su nomina di Nico Torrisi: “Non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per la nomina di Nico Torrisi ad amministratore delegato della Sac. A Torrisi rivolgiamo i nostri migliori auguri per la sua nuova esperienza professionale ribadendo, come già fatto in passato, la totale disponibilità da parte di Compagnia delle Opere alla collaborazione e al lavoro sinergico per il bene del nostro territorio e delle nostre imprese”. È quanto dichiarano il presidente e il direttore di Compagnia delle Opere Sicilia Orientale, Salvatore Abate e Cristina Scuderi, alla notizia della nomina del presidente regionale di Federalberghi alla Sac"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento