menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arcigay Catania contro parroco di Barrafranca: "Unioni lgbt+ non sono contro-natura"

In un video pubblicato su Facebook dal parroco della chiesa Grazia di Barrafranca, si afferma che "la famiglia è fondata dal matrimonio tra un uomo e una donna. Ogni altro tipo di unione, è contro-natura"

Salvatore Nicolosi, parroco della chiesa Grazia di Barrafranca, durante la celebrazione della "Festa della Santa Famiglia", ha definito "contro-natura" le unioni tra persone lgbt+. Nel video pubblicato su Facebook, si afferma che: "La famiglia è fondata dal matrimonio tra un uomo e una donna. Ogni altro tipo di unione, è contro-natura. Oggi si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi". Dura la replica dell'Arcigay di Catania, Enna e Caltanissetta per mezzo del suo presidente Armando Caravini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È singolare anzitutto il fatto che, in circostanze tragiche - afferma Caravini - come quelle che stiamo vivendo, con molte famiglie che non hanno potuto avere i loro cari a Natale perché stroncati dal Covid, e con tanti che vivono queste festività con apprensione perché hanno un parente ricoverato, don Nicolosi abbia ritenuto di rivolgere questo attacco alle persone lgbt+ e alle loro famiglie, e proprio durante una celebrazione dedicata alla famiglia. Non c'è nulla di contro-natura nelle nostre unioni, ancora una volta occorre ribadirlo. La stessa Organizzazione mondiale della Sanità dovendo definire l'omosessualità ha scelto di farlo con le parole "variante naturale del comportamento umano". "Quello del sacerdote, dunque, è un vero e proprio discorso d'odio, che crea inutili divisioni all'interno della comunità, e rischia di provocare dolore alle persone lgbt+ di Barrafranca e alle loro famiglie. Ed è ancora più singolare che il sindaco stesso, Salvo Accardi, prende le difese del parroco, nascondendosi dietro l'ipocrisia della libertà di pensiero, leggendo persino una enciclica dimenticando che rappresenta un'istituzione laica e non il Vaticano. Siamo certi che i cittadini barresi non la pensino come lui: in molti, infatti, ci hanno scritto per segnalare l'episodio e per prenderne le distanze. A loro va il nostro plauso e la nostra solidarietà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento