Cronaca

Nuovo anno giudiziario e il "vecchio" fa paura: in salita il numero di reati

Il periodo preso in considerazione è 1° luglio 2011-30 giugno 2012 nel Distretto della Corte d'appello di Catania. Il dato più eclatante riguarda le lesioni colpose per infortuni sul lavoro, con 445 denunce

Organici carenti, uffici inadeguati e inagibili. E ancora carceri sovraffollate, aumento dei delitti contro la pubblica amministrazione. Sono i dati resi noti, ieri, durante la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno giudiziario al Palazzo di Giustizia di Catania.

Il periodo preso in considerazione è 1° luglio 2011-30 giugno 2012 nel Distretto della Corte d'appello di Catania. Si contano, infatti, 3.476 denunce con un aumento del 7%. Tra questi ultimi, le denunce contro la corruzione, che l'anno scorso avevano fatto registrare livelli record con un +115%, salgono ancora del 14%, come la concussione, del 54%, e il peculato, del 35%.

Ma il dato più eclatante riguarda le lesioni colpose per infortuni sul lavoro, con 445 denunce nel periodo preso in esame e un incremento del 98%. Sempre in aumento i reati di corruzione (aumento del 39%), di concussione (aumento del 45/%), di peculato (aumento del 19%), di malversazione a danno dello Stato e di indebita percezione di contributi (aumento del 14%).

Allarmante l'incremento dei reati di droga: spaccio su strada soprattutto nelle aree del Catanese, del Siracusano e del Ragusano. Pressoché stabili i reati di stalking. Allarmante l'aumento dei reati di pedofilia anche in contesti sociali insospettabili. Crescono di molto i reati informatici (+16%) e i furti in abitazione. Lieve flessione dei reati di rapina, estorsione, omicidio colposo per infortuni sul lavoro, lottizzazione abusiva, inquinamento e rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo anno giudiziario e il "vecchio" fa paura: in salita il numero di reati

CataniaToday è in caricamento