Oasi del Simeto, lago "Gornalunga" a rischio bracconaggio

Nel corso di una perlustrazione, sono state rinvenute delle reti da pesca e delle nasse, nascoste tra la vegetazione spontanea, a poca distanza da cinque barche in vetroresina. Ritrovate anche attrezzature utilizzate verosimilmente dai bracconieri

Pesca di frodo nell’Oasi del Simeto. A compiere la scoperta l’ufficio gestione Riserve Naturali. In particolare presso il lago ”Gornalunga” (zona “A”, “Villaggio Nettuno”), nel corso di una perlustrazione, sono state rinvenute delle reti da pesca e delle nasse, nascoste tra la vegetazione spontanea, a poca distanza da cinque barche in vetroresina.

Nella stessa zona il personale di vigilanza ha anche ritrovato attrezzature (richiami tipo anatra) utilizzate verosimilmente dai bracconieri. Vista la gravità dei fatti, si è subito proceduto al sequestro preventivo, che è stato poi convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

La Riserva naturale, che ha una particolare valenza riconosciuta di interesse comunitario (S.I.C.), è in Zona di Protezione Speciale (Z.P.S.). In quell’area stazionano e si rifocillano anche numerose specie di avifauna, protetta e particolarmente protetta, stanziale e migratoria, quale ad esempio la moretta tabaccata e il pollo sultano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento