Caso Oda, Cgil e Cisl: "La prossima settimana arriveranno gli arretrati"

Lo dicono i segretari generali provinciali Salvatore Cubito e Armando Coco che riconoscono il mantenimento dell’impegno assunto dal commissario Landi nel percorso di risanamento dell’ente

"Apprendiamo con soddisfazione che, entro la prossima settimana, i lavoratori dell’ODA potranno ricevere il pagamento degli stipendi arretrati dei mesi di dicembre 2017, gennaio 2018 e la 13ma mensilità, come comunicato dal commissario straordinario dell'ente, avvocato Adolfo Landi".

Lo dicono i segretari generali provinciali Salvatore Cubito (Fp Cgil) e Armando Coco (Cisl Fp) che riconoscono il mantenimento dell’impegno assunto dal commissario Landi nel percorso di risanamento dell’ente, come ribadito nell’incontro avuto sabato 3 marzo scorso. "In un momento difficile come quello che sta attraversando l’Oda – aggiungono Cubito e Coco – tale gesto rappresenta un momento di grande sensibilità nei confronti dei giusti diritti dei lavoratori e delle legittime aspettative degli utenti e delle loro famiglie"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A seguito di ciò – concludono i due segretari generali di Fp Cgil e Cisl Fp di Catania – nutriamo grande fiducia sull’esito della vertenza in corso che, in caso di pronunciamento positivo del giudice, renderebbe reale il salvataggio dell’ente, darebbe garanzie sulla conservazione del posto di lavoro ai dipendenti e sul proseguimento dell'erogazione di servizi essenziali a tante famiglie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento