Odissea criminale a Picanello, automobilista picchiato selvaggiamente

Un'intera famiglia di pregiudicati accusata di tentata truffa, calunnia, violenza e minaccia a pubblico ufficiale: ancora irreperibile il "picchiatore"

Un gravissimo episodio di violenza, prevaricazione e pericolosissima deriva criminale è stato scoperto lo scorso venerdì 10 maggio, dagli agenti del commissariato Borgo Ognina, i quali hanno arrestato la coppia di coniugi A.A e L.R.M.V. per simulazione di reato, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, tentata truffa, calunnia, resistenza e oltraggio a pubblici ufficiali, violenza e minacce a pubblici ufficiali, associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata.

Ad essere indagato in stato di libertà per i medesimi reati, il quindicenne figlio della coppia, anch’egli, come i genitori, pregiudicato. La scena ha visto protagonisti due ulteriori personaggi: P.B. “il picchiatore” (denunciato in stato di irreperibilità per falsità ideologica, percossse, lesioni dolose, favoreggiamento di tutti i reati non associativi commessi dagli arrestati, minacce, sequestro di persona a scopo di estorsione e associazione per delinquere semplice finalizzata al reato di truffa aggravata) e l’effettiva vittima di quanto accaduto, colpevole soltanto di essersi trovata al momento sbagliato, nel posto sbagliato.

I fatti hanno avuto luogo nel quartiere “Picanello”, dove un incidente stradale è stato trasformato in un vera e propria odissea criminale, il cui scopo, manco a dirlo, era lucrare sulle presunte lesioni subite dal giovane pregiudicato, investito dal guidatore di un’auto che – com’è successivamente venuto fuori dalle indagini – si è prontamente fermato per sincerarsi delle condizioni del ragazzo, venendo immediatamente accerchiato da numerosi abitanti del quartiere, tra i quali P.B., che si è reso autore di un fatto di un’inaudita gravità. I

Il conducente della vettura, probabilmente intimorito dall’orda di persone intervenute sul posto dell’incidente, ha cercato di raggiungere la vicina abitazione di una parente, ma è stato malamente “riacciuffato” dal P.B., il quale lo ha selvaggiamente picchiato e minacciato, riconducendolo sul luogo dell’incidente.

I poliziotti hanno appreso dell’accaduto grazie alla segnalazione giunta dal posto di polizia del pronto soccorso dove si è presentato il giovane pregiudicato, insieme alla madre, millantando un investimento subito da parte di un uomo che si era poi dato alla fuga. I due non avevano previsto che un atto di pirateria tanto grave sarebbe stato immediatamente preso in esame dagli uomini del commissariato Borgo Ognina, il cui dirigente si è subito adoperato per l’identificazione del presunto pirata della strada che è stato in breve tempo individuato e raggiunto da una pattuglia.

Immediatamente sono emersi, negli investigatori, i dubbi sulla veridicità dei fatti così come raccontati dai due al pronto soccorso. Infatti, anche il presunto investitore si era recato in ospedale, non per lesioni derivanti dall’incidente, ma per quelle procurategli dal P.B. che lo aveva anche sequestrato e minacciato.

E' stato così individuato il “picchiatore”  grazie all’intuito degli investigatori, i quali – scoperto, ormai, l’inghippo – hanno invitato in commissariato il giovane “investito”, insieme ai genitori. A quel punto, la situazione si è aggravata. Il terzetto, infatti, ha intuito che il loro “castello di carte” stava per essere sgretolato e che i poliziotti avevano capito che il giovane pregiudicato, trovandosi con una bicicletta elettrica – peraltro risultata rubata – aveva “adocchiato il pollo” e subito simulato un incidente dal quale, evidentemente, sperava di guadagnare con il rimborso dell’assicurazione.

IMG_9467-3

A questo punto è arrivata la scena che rappresenta il culmine dell'accaduto: il nervosismo del giovane che si è scagliato contro i poliziotti, verbalmente e fisicamente; le minacce e le intemperanze del padre e l’immancabile svenimento della donna, dopo l’inevitabile scenata, per la quale i poliziotti hanno fatto intervenire un’ambulanza che, accompagnandola in ospedale, ha operato il “miracolo”, rimettendola in sesto, così da poter essere ricondotta in commissariato.

Tutto ciò non ha salvato la coppia (il giovane pregiudicato si è “salvato” solo grazie alla sua minore età, pur vantando un curriculum criminale non indifferente) da una sistemazione al carcere Piazza Lanza, dove sono stati rinchiusi con le varie contestazioni di reato. La bicicletta elettrica, utilizzata per la serie di reati commessi, è stata sequestrata ed è attualmente oggetto d’indagini per individuarel’effettivo proprietario. Il conducente della vettura al centro dell’episodio, alla fine, si è rivelato essere la vera vittima della trama ordita dal nefando gruppetto che, pur di lucrare in qualunque modo possibile dall’assicurazione (almeno così pensavano), non ha esitato a mettere in atto quella che poi si è rivelata una vera e propria odissea criminale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dissesto, Pogliese rassicura i lavoratori: "Stipendi non a rischio"

  • Cronaca

    Tossico tormenta la moglie, portando via il figlio mentre è in crisi d'astinenza

  • Cronaca

    Maxi piantagione di marijuana scoperta in un vigneto a Mazzarrone

  • Cronaca

    La scalinata della Giustizia per ricordare i magistrati Falcone e Borsellino

I più letti della settimana

  • Pesciolini d'argento: cosa sono e come eliminarli

  • Insolito "via vai" fa scattare il blitz, sequestrati 100 chili di marijuana: arrestati 2 fratelli

  • Incidente stradale a Paternò, scontro tra due auto: padre e figlia feriti

  • Evade dai domiciliari dopo un litigio con la moglie: "Meglio il carcere"

  • Cosa fare a Catania, i 15 eventi del week-end: Sagra del Cannolo, Notte dei Musei, Umbertata

  • Incidente stradale in viale Sanzio, auto si ribalta: una ragazza ferita

Torna su
CataniaToday è in caricamento