Rifiuti, processo Oikos: tutti assolti i cinque imputati

Il Tribunale depositerà entro 90 giorni le motivazioni della sentenza di assoluzione di tutti gli imputati

Il Tribunale monocratico di Catania, presieduto da Giuseppina Montuori, ha assolto, perché il fatto non sussiste, tutti e cinque gli imputati del processo per truffa per il mancato procedimento di selezione e pretrattamento di rifiuti. Per tutti l'accusa aveva chiesto la condanna a un anno e sei mesi di reclusione.

Secondo l'accusa avrebbero "ricevuto nello stabilimento della Oikos in contrada Tiritì del comune di Motta Sant'Anastasia rifiuti urbani indifferenziati" senza che, nei 12 giorni contestati dalla Procura, fossero "sottoposti ad un'operazione di pretrattamento prima del conferimento in discarica" per un "guasto tecnico" all'impianto.

Non lo avrebbero comunicato ai committenti e avrebbero così "indotto in errore gli Enti locali e gli organismi di diritto pubblico" che "hanno effettuato pagamenti per servizi di pretrattamento in realtà mai effettuati procurando un ingiusto profitto di 79.405 euro" all'Oikos. Il Tribunale depositerà entro 90 giorni le motivazioni della sentenza di assoluzione di tutti gli imputati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento