Omicidio a Librino, convalidati i fermi per i 4 presunti assassini

Restano in carcere i presunti assassini di Daniele Massimiliano Di Pietro, il 39enne ucciso a colpi di pistola il 17 settembre scorso davanti il palazzo in cui abitava nel popoloso rione di Librino a Catania

Restano in carcere i presunti assassini di Daniele Massimiliano Di Pietro, il 39enne ucciso a colpi di pistola il 17 settembre scorso davanti il palazzo in cui abitava nel popoloso rione di Librino a Catania.

Il Gip ha, infatti, convalidato il fermo, emesso dalla Procura ed eseguito dai carabinieri, dei fratelli Antonino, Michele e Davide Celso, rispettivamente di 42, 38 e 23 anni.

Il Giudice per le indagini preliminari, accogliendo la richiesta del sostituto Marisa Scavo, ha contemporaneamente emesso nei loro confronti un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per concorso in omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Un analogo provvedimento e' stato adottato nei confronti del quarto indagato per l'omicidio, ancora non maggiorenne, dal Gip del Tribunale per i minorenni di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento